Archivio: Comunicati stampa

TORNA IL BORGO DEI BORGHI : MONTALBANO ELICONA IN GARA PER UN NUOVO TITOLO

Argomenti :

Autunno caldo per il “Borgo dei Borghi”, speciale Kilimangiaro, che dal 3 al 24 Novembre torna ad infiammare gli animi degli italiani. Sessanta borghi in onda su Rai3, ogni sabato dalle 21,30 alle 23,00, si sfideranno in una gara senza precedenti.

Dalle Alpi alla Sicilia, con la partecipazione straordinaria di Montalbano Elicona, già “Borgo più Bello d’Italia 2015”, la conquista del titolo per il 2019 prevede tre serate eliminatorie (3, 10 e 17 novembre), una puntata conclusiva (24 novembre) e una votazione web, che si chiuderà il 22 novembre per determinare i 20 borghi finalisti.

I sessanta partecipanti sono stati selezionati in collaborazione con il Club Borghi Più Belli d’Italia, costituito con il patrocinio dell’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) e dell’Enit (Agenzia Nazionale Italiana del Turismo). Rispetto alle edizioni precedenti solo 40 borghi sono alla loro prima partecipazione. Gli altri 20, come Montalbano per la Sicilia o Neive per il Piemonte, sono stati ripescati dalle trascorse edizioni grazie ai risultati ottenuti.

Il pubblico potrà partecipare alla gara eliminatoria ed esprimere la preferenza per il paese candidato, con relativo voto sul sito www.rai.it/borgodeiborghi. Nella serata finale si deciderà con televoto dall’utenza 894.222 per il telefono fisso e 475.475.0 per il mobile. Alla definizione della classifica finale parteciperà anche una giuria tecnica. Vincerà il borgo che totalizzerà più punti fra le scelte del pubblico e le valutazioni dei giurati.

Un’impresa tutt’altro che semplice per Montalbano Elicona, che tre anni fa stracciò il colosso Cefalù superando le selezioni regionali. Ora il Borgo dei Borghi 2015 dovrà affrontare poli turistici come la partenopea Procida o la città di Otranto. Nonostante ciò il comune ha avviato una pressante campagna mediatica sui social e il tutto per tutto si giocherà sulla ricostruzione della parte più antica del castello, anima e simbolo del luogo : il fortilizio arabo-bizantino, quella rocca fortificata che nell’XI secolo fu ampliata dai Normanni, sfruttata dagli Svevi e resa grande dagli Aragonesi. Montalbano con i suoi 2000 abitanti torna alla ribalta, dopo un triennio che ha cambiato la sua economia e fatto riscoprire luoghi unici in Sicilia. Fra questi i Megaliti di Argimusco, immersi nel silenzio della natura e la Riserva Orientata di Malabotta, ultimo bosco naturale dell’isola.

Tesori nascosti, insieme a un incredibile patrimonio storico-artistico-culturale dall’impronta tipicamente medievale, che se non altro saranno una buona carta da giocare nella votazione web, aperta sul sito RAi il 9 ottobre 2018, per l’assegnazione del titolo “Il Borgo dei Borghi – Autunno 2018”.

Francesca Bisbano


INCARICO A SALVATORE FILLORAMO, PER LA PREVENZIONE DEI RISCHI METEO IDROGEOLOGICI

Salvatore Filloramo, esperto nella prevenzione e gestione dei rischi ambientali e antropici

Il dottore sui rischi Salvatore Filloramo è il nuovo esperto in materia di protezione civile del comune di Montalbano Elicona.

Con determina sindacale del 20 febbraio 2018, al giovane professionista è stato conferito l’incarico di presidiare il territorio tramite attività di monitoraggio ambientale e prevenzione dei rischi meteo-idrogeologici.

Tenuto conto che negli ultimi anni, il susseguirsi di eventi naturali non particolarmente avversi ha confermato l’elevato stato di fragilità del suolo locale, quella di Filloramo è una funzione svolta in conformità alle indicazioni del Piano di Protezione Civile comunale, che regolarizza le suddette operazioni in attuazione delle leggi 100 del 12 luglio 2012 e 30 del 16 marzo 2017. Le norme in questione demandano ai piani di protezione civile ai vari livelli. Al contempo consentono agli enti locali di organizzare le fasi dell’emergenza, con un’attenta valutazione delle concrete disponibilità e professionalità presenti sul territorio. Viste e recepite le “Raccomandazioni operative per prevedere, prevenire e fronteggiare eventuali situazioni di emergenza connesse a fenomeni idraulici e idrogeologici”, nella nota del 31.08.2017 della Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’amministrazione Taranto ha sottolineato il ruolo di assoluta importanza di una corretta azione di vigilanza.

E a far eco agli obiettivi che la collaborazione con un tecnico del settore intende perseguire, vi è la dichiarazione del sindaco, per il quale “l’incolumità dei cittadini passa anche dalla corretta informazione locale”. Considerata quindi la relativa affidabilità dei bollettini meteo nazionali, nonché l’influenza dei fenomeni atmosferici sulla vita delle persone, a Filloramo sarà affidata la redazione del bollettino meteorologico di Montalbano Elicona. Per conoscere ed evitare tutti disagi legati al maltempo, i dati raccolti dalla stazione idro-pluviometrica comunale, saranno pubblicati con cadenza regolare sul sito istituzionale e consultabili sul portale strettometeo.it.

Francesca Bisbano


Natura a Montalbano Elicona

A PALAZZO ZANCA CONFERENZA STAMPA DEL SINDACO TARANTO SULL’ALTOPIANO DEI GIGANTI

Presentazione Ufficiale del campo di volontariato che dal 1 al 15 agosto si terrà a Montalbano Elicona, per ripulire parte del Fiume Elicona

Si terrà mercoledì 2 agosto, ore 10,30, a Palazzo Zanca la conferenza stampa del sindaco Filippo Taranto sul campo di Volontariato Internazionale denominato l’Altopiano dei Giganti.

 

L’evento promosso dal C.E.A. (Centro Educazione Ambientale) Messina e dall’associazione Ramarro Sicilia, in collaborazione con ARPA Sicilia, Rete Infea Sicilia, Fondazione Unesco Sicilia e l’Ente Parco dei Nebrodi, si svolgerà a Montalbano Elicona dal 1 al 15 agosto 2017. Grazie al supporto logistico dell’amministrazione locale e del C.E.T. (Centro di Educazione territoriale) di Montalbano Elicona, i volontari si occuperanno di ripulire e ripristinare il settecentesco sentiero lastricato, che dal quartiere Serro conduce al Fiume Elicona in località Chiappazza. Da qui sarà verificata la tracciabilità di un percorso ad anello Chiappazza-Caenza, che permetta di ammirare il paesaggio e i resti di tre antichi mulini.

 

Al progetto che si autofinanzia e si svolge con le modalità tipiche del campo di lavoro volontario, hanno già aderito una quindicina di persone di età compresa tra i 5 e i 75 anni provenienti da tutta Italia e da Paesi come Spagna, Germania e Ungheria. Il percorso formativo prevede anche attività di fruizione culturale del territorio. Mercoledì 9 agosto 2017, infatti, sono previste visite alla Grotta di Santeodoro presso Aquedolci e a Sant’Agata di Militello. Lo stesso giorno i volontari saranno ospiti del Parco dei Nebrodi e incontreranno il presidente Giuseppe Antoci. Invece, sabato 12 agosto, ore 21,00, è prevista una passeggiata all’Argimusco in compagnia dell’archeostronomo Andrea Orlando, studioso e saggista dei Megaliti di Montalbano Elicona.

 

Ancora, durante la conferenza stampa sarà presentato il libro “Grani Antichi Siciliani” di Gianfranco Venora e Nello Blangiforti, con il patrocinio del comune di Montalbano Elicona, della Condotta Slow Food Nebrodi presieduta da Angelo Pedano, dal CEA di Messina rappresentato da Francesco Cancellieri e da Renato Carella, presidente associazione Ramarro Sicilia. Ospiti il sindaco Renato Accorinti e l’assessore all’Ambiente del Comune di Messina, sottoscrittore del Protocollo di Intesa con Arpa Sicilia per il l’istituzione del Nodo Comunale INFEA.

 

Comunicato a cura di Francesca Bisbano


Panorama: scopri con noi cosa vedere a Montalbano Elicona

SECONDA EDIZIONE DI “ORIENTARSI VERSO LA MEDICINA OSTEOPATICA”

Convegno divulgativo-scientifico al castello di Montalbano Elicona, per conoscere l’osteopatia e approfondirne l’applicazione terapeutica in campo sportivo

 

Si terrà domenica 30 luglio 2017, presso il castello Federico II di Montalbano Elicona la seconda edizione del convegno divulgativo scientifico “Orientarsi verso la medicina osteopatica, dalla formazione alla professione”.

 

L’evento promosso dalla Accademia di Medicina Osteopatica Superiore, sede di Messina, in collaborazione con l ‘A.N.P.O. (Associazione Nazionale Professionisti Osteopati) e il Comune di Montalbano Elicona, è finalizzato a far conoscere la scienza osteopatica e la sua azione terapeutica in campo sportivo.

 

L’osteopatia (dal greco antico ὀστέον ostéon, “osso” e πάθος, páthos, “sofferenza”) è una terapia medica alternativa che consiste nella manipolazione di alcune parti del corpo, in particolare: schiena, testa e collo. A coniare il termine fu il medico statunitense Andrew Taylor Still che nel 1892 fondò l’American School Osteopathy, ma l’uso delle mani per il trattamento della colonna vertebrale e delle articolazioni ha origini molto antiche.

 

Prima ancora che Ippocrate documentasse l’utilizzo del trattamento manipolativo nel “Trattato delle Articolazioni”, la pratica era nota agli Egizi. Nella Roma antica Galeno (II secolo a.c.) guarì lo storico Pausania da un grave dolore al braccio con una manipolazione mirata del rachide cervicale. Nella medicina araba, erede di quella greca, si utilizzavano abitualmente tecniche manuali per la correzione di deformità, gibbi e curve scoliotiche, mentre nel Medioevo le tecniche furono tramandate dai cosi detti “aggiusta ossa” o “rebouter de campagne” in Francia, cui non erano estranei i significati di “nervo accavallato” o “vertebra spostata”.

 

L’osteopatia supporta la medicina tradizionale, in base al principio per cui il corpo può fabbricare da se i rimedi contro le malattie. In particolare essa si propone di risistemare lo scheletro, i muscoli, i legamenti, le viscere e il sistema cranio-sacrale, in modo che tutti i liquidi circolino normalmente.

 

A partire dalle 15,00 dopo i saluti istituzionali del sindaco Filippo Taranto interverranno il prof don Gaetano Maria Saccà fondatore A.M.O.S., il Segretario Nazionale A.N.P.O. Paolo Cola, il prof Giuseppe Forestieri presidente A.N.P.O che tratterà le problematiche disfunzionali legate all’attività sportiva e il dottor Massimo Catini per la presentazione del saggio “L’olio della consolazione e il vino della Speranza”. Modera Salvatore Pantano, giornalista di OndaTV.

 

Subito dopo il convegno, dalle ore 20,00 alle 21,00, si terrà una partita di calcetto presso il campo adiacente alla palestra comunale “Bartolomeo Buccheri”.

 

Comunicato stampa a cura di Francesca Bisbano


Il Castello di Montalbano

MONTALBANO ELICONA: SULLA DIFFERENZIATA INDIETRO NON SI TORNA

Argomenti :

Tempestivo intervento del Sindaco Filippo Taranto, per ripulire la provinciale Montalbano-Falcone

 

Continua la lotta all’abbandono di rifiuti solidi urbani nel comune di Montalbano Elicona. Grazie all’infaticabile lavoro degli operatori del settore, la mattina del 27 luglio, alcune curve della provinciale Montalbano-Falcone sono state ripulite e liberate dai sacchetti accumulati in protesta alla raccolta differenziata, avviata nel febbraio 2016.

 

“Desideriamo che l’attenzione di chi transita possa essere attratta dallo splendore, piuttosto che essere turbata da una spiacevole vista” ha dichiarato il sindaco Filippo Taranto. Con queste parole il primo cittadino sottolinea come l’impegno di molti, non sarà vanificato dalla violazione di pochi. Illegalità a parte, il proliferare di discariche abusive ha pesanti ricadute sull’ambiente e la salute dei cittadini. Oltre alla produzione di odori sgradevoli, i rifiuti in decomposizione favoriscono la percolazione nel terreno di agenti inquinanti, senza contare i costi di pulizia del territorio che la loro rimozione comporta a carico dei residenti.

 

Indietro non si torna. Secondo il piano di intervento per l’organizzazione del servizio di spazzamento, raccolta e trasporto rifiuti del 2013, la raccolta differenziata non solo permetterebbe al Comune di Montalbano Elicona di incamerare i contribuiti Conai, mai realizzati, ma anche di pagare meno sul trasporto del materiale indifferenziato (che non verrebbe confluito ogni giorno). Dati relativi al biennio 2016/2017 attestano un risparmio di 31 mila euro sulla gestione rifiuti, accompagnati da alleggerimenti TARI per le utenze domestiche. Nel 2017 infatti, le famiglie mononucleari hanno risparmiato in bolletta 17,30 euro, quelle con quattro componenti 39,60 euro e i nuclei più numerosi (sopra i 6 membri) 47,49 euro.

 

I risultati non saranno eclatanti, ma significativi per gli amministratori locali che insistono nel sensibilizzare l’opinione pubblica alla salvaguardia del patrimonio comune. “Molte volte” conclude Taranto “si fa fatica a comprendere che lo spazio in cui viviamo appartiene a tutti e, che pertanto, ognuno di noi dovrebbe sentirsi “ sentinella del territorio”, praticando una vera e propria sussidiarietà orizzontale. Non lasceremo che episodi come questo facciano vacillare la fiducia nelle Istituzioni. Abbiamo preso un impegno e lo manterremo, dando se è necessario il buon esempio ai nostri elettori.”

 

Contemporaneamente il primo cittadino ha lanciato un appello al Comune di Falcone, perché si avvi una collaborazione tra i due enti per moltiplicare i controlli e gli interventi sanzionatori, contro i trasgressori.

 

Redazione da comunicato a cura di Francesca Bisbano


Riunione al vertice con i Borghi più Belli d’Italia per l’approvazione della Legge sulle Montagne

Il Presidente Fiorello Primi del Club”Borghi più belli d’Italia” e l’onorevole Giovanni Ardizzone discutono al castello Federico II di Montalbano Elicona, sugli interventi e l’evoluzione del sistema di governance turistica siciliana.

 

L’ingresso del Castello

In attesa di ripresa dei lavori all’ARS per la legge sulla montagna, i borghi italiani riaprono l’argomento.

 

Sabato 22 luglio, ore 10,00, Fiorello Primi presidente del club Borghi Più Belli D’Italia, incontrerà al Castello Federico II di Montalbano Elicona Giovanni Ardizzone, presidente dell’ Assemblea Regionale Siciliana, per sostenere l’approvazione di una proposta che vuole rilanciare l’entroterra siciliano.

 

Il progetto firmato dai deputati Marziano, Barbagallo, Di Pasquale, Maggio, interessa più di 200 comuni montani e prevede l’istituzione delle “zone franche montane“, soggette a particolari regimi fiscali. Contro l’emigrazione, lo spopolamento progressivo e il ristagno delle attività economiche, il ddl 981/2015 dispone l’istituzione di un Fondo Unico per la Montagna aggiuntivo a quello ordinario degli Enti locali e misure tendenti a favorire l’acquisto e la ristrutturazione di immobili da destinare a prima abitazione, per coloro che trasferiscono la propria residenza e dimora attuale in un comune montano.

 

A sostegno delle attività agricole e zootecniche, quali strumenti di consolidamento della presenza antropica nei territori montani, il documento detta misure d’innovazione e politiche a favore dei giovani, con l’attivazione di servizi di supporto per le start-up innovative. Non meno importante la tutela dei prodotti tipici a marchio DOP, che dovranno essere inseriti in un apposito Albo tenuto presso l’Assessorato Regionale dell’Agricoltura.

 

La legge sulle montagne pone poi attenzione allo sviluppo turistico locale. In particolare l’art. 13 disciplina il ricorso a specifiche intese per il recupero delle stazioni ferroviarie disabilitate o non presidiate. Queste potranno essere concesse in comodato d’uso ad associazioni di volontariato, per farne presidi di protezione civile, punti di informazione turistica, centri di educazione ambientale o sportelli per il cittadino.

 

In occasione dell’evento patrocinato dal Comune di Montalbano Elicona, dopo i saluti istituzionali del sindaco Filippo Taranto : Salvatore Bartolotta Coordinatore Regionale dei Borghi Più Belli D’Italia, Filippo Grasso Consulente Assessorato Regionale del Turismo e Antonio La Spina Presidente UNPLI (Unione Nazionale Proloco D’Italia) interverranno sulle linee guida del DMO in Sicilia. L’acronimo che sta per Destination Management Organization, indica un modello logistico di strutture e servizi, per la gestione di destinazioni turistiche atte a rafforzare attraverso l’accoglienza, la promozione e l’informazione le risorse delle varie identità territoriali.

Modera il Dottor Giuseppe Simone.

 

Redazione da Comunicato a cura di Francesca Bisbano

 


Masterclass di Organo: la musica italiana di Diego Cannizzaro

Imperdibile appuntamento per gli amanti della musica classica. Dal 20 al 22 luglio si terrà a Montalbano Elicona la seconda masterclass di organo dell’Accademia di Alto Perfezionamento Organistico, diretta dal maestro Diego Cannizzaro.

Nella splendida cornice del “Borgo dei Borghi 2015”, l’evento avrà luogo nella basilica minore di Santa Maria Assunta e San Niccolò Vescovo e sarà incentrato sullo studio del repertorio organistico della Scuola Italiana. Ai corsisti attivi e uditori, sarà offerta la possibilità di conoscere e affinare la tecnica strumentale siciliana, con metodi basati su esperienze extra-nazionali.

La Sicilia vanta una tradizione organaria di altissimo livello, detenendo il record mondiale del più alto numero di organi a canne storici. Attualmente si stimano più di un migliaio di strumenti custoditi nelle cattedrali, nelle chiese e nelle cappelle di tutta l’isola. Come le opere architettoniche di cui fanno parte, gli organi le cui origini risalgono al III sec a.C., (il primo organo idraulico apparve ad Alessandria d’Egitto), vivono una condizione crepuscolare. I paesi perdono abitanti, le chiese fedeli e la musica si ode sempre meno. Per questo la masterclass del Tisia, si pone come mezzo per diffondere l’interesse e creare consapevolezza verso l’arte dell’organo.

Allo stesso tempo la masterclass intende promuovere il turismo e il patrimonio storico-culturale di Montalbano Elicona. Così la chiesa madre che ogni anno per volere di Monsignor Benedetto Rotella ospita il maestro Gianluca Lambertucci, organista della cappella sistina, si prepara ad accogliere musicisti da tutto il mondo. Grazie alla musica, i maestri avranno modo di conoscere lo splendido e unico patrimonio del “Borgo più bello d’Italia del 2015”.

Giovedì 20 luglio ore 21,30, i corsisti terranno un concerto aperto al pubblico nella basilica di san Niccolò Vescovo.

 

Comunicato stampa


Montalbano Elicona: elezioni amministrative 2017

Filippo Taranto conferma la candidatura, come sindaco di Montalbano Elicona

Addio alla logica del “finanziamento del momento”, le opere pubbliche devono venire incontro ai bisogni dei cittadini

“Cominciare una rivoluzione è facile, è il portarla avanti che è molto difficile”. E’ con le parole di Nelson Mandela, che Filippo Taranto, sindaco uscente di Montalbano Elicona, affronta la prossima competizione elettorale.

L’11 giugno il “Borgo dei Borghi 2015” sceglierà la nuova squadra di governo. Contro il “Movimento Anno Zero” di Nicola Belfiore, Taranto, candidato per “Vivere Montalbano Insieme”, intende continuare il lavoro avviato durante il primo mandato.

Si parlerà ancora di occupazione, scuola, giovani, turismo e sviluppo sostenibile del territorio. E se da un lato il primo cittadino, pensa a misure di sostegno per anziani e famiglie, dall’altro molti sono i progetti che hanno ricevuto un finanziamento e attendono l’appalto o l’avvio dei lavori. Tra questi vi sono: gli interventi di messa in sicurezza e restauro del fortilizio arabo-bizantino del castello Federiciano, il potenziamento dell’acquedotto del centro, la riattivazione della Bretella Santa Barbara-Mustaffi con la s.p. Falcone-Montalbano, il rifacimento della Caserma dei Carabinieri e il consolidamento di Via Sant’Antonio e del costone roccioso della frazione di Santa Maria.

Opere già realizzate sono invece la riqualificazione del corso Principe Umberto con il Progetto 6000 Campanili, la costruzione del campo di calcetto “Giovanni Romano- Pippo Saccone”, la riqualificazione dell’edificio Scolastico “A.G. Roncalli”, l’illuminazione artistica della via Letteraria Nicola Terranova, che ha reso ancora più suggestiva la percezione notturna del centro medievale, la ristrutturazione della scuola materna di Braidi con la riqualificazione della piazzetta antistante, il ripristino della delegazioni comunali di Santa Barbara e Santa Maria, l’arredo urbano del centro storico e la creazione della rete wi-fi gratuita nell’area di Piazza Maria SS della Provvidenza.

Nonostante le enormi difficoltà economiche in cui versa l’ente, imputalbili alle continue riduzioni di trasferimenti finanziari da parte degli organi di governo sovraordinati, si è riuscti comunque a dare attenzione alle esigenze quotidiane dei cittadini. Il tutto come ricorda il sindaco, è stato possibilie grazie all’impegno di tecnici e operai, che nel dare attuazione alle ordinarie opere di manutenzione, hanno dimostrato come queste alle volte siano più indispensabili dei grandi interventi. Al contempo vanno superate vecchie logiche di potere, perchè la programmazione degli interventi pubblici non può essere legata alla mera opportunità del finanziamento, ma deve partire dalle esigenze della comunità.

Sulla base di tali premesse il nuovo entourage di Filippo Taranto, sarà composto da Roberto Arlotta, Nicola Bartolone, Rosaria Bisognano, Celeste Coppula, Erminia De Francesco, Ivan Pantano, Antonio Junior Rappazzo, Fabio Ruggeri, Antonino Tomeo, Fabio Truglio, con Gianluca Materia e Alessia Giuseppa Prescimone, assessori designati.

Francesca Bisbano


Feste Medievali di primavera 2017

Montalbano Elicona : Premio “ITALIVE 2016” per le Feste Medievali di Primavera

Alla prima edizione, le Feste Medievali di Montalbano Elicona si confermano miglior evento rievocativo del 2016. Lo stabilisce un riconoscimento assegnato da ITALIVE.IT, progetto promosso da Codacons, Coldiretti e Autostrade per l’Italia che informa gli automobilisti italiani su feste, sagre e quant’altro accade in ambito nazionale.

Dopo i giudizi espressi dai turisti sul portale http://www.italive.it e il parere ottenuto da una commissione di esperti, la manifestazione promossa dall’Associazione Culturale Giovan Guerino è stata apprezzata per l’originalità con cui, ha narrato la storia di uno dei personaggi più amati della tradizione popolare locale. Tra sfide, duelli, giochi e degustazioni di prodotti tipici del tempo, i visitatori sono stati catapultati nel lontano 1356 d.C., quando secondo il racconto di Fra Michele da Piazza, i cavalieri di Montalbano capeggiati da Giovan Guerino (dal francese Guerin = Guerriero), respinsero le truppe nemiche di Vinciguerra d’Aragona.

Dalla battaglia al tradimento, dalla cattura alla liberazione dell’amato condottiero, la vicenda di un uomo la cui fedeltà al Re Federico III d’Aragona non ha precedenti, ha attirato migliaia di turisti. In attesa della seconda edizione, prevista dal 2 al 4 giugno 2017, l’appuntamento con il defensor populi è anche occasione per mettere in risalto il valore dei siciliani che vogliono riscattarsi.

Ancora per Montalbano Elicona si tratta di un traguardo importante, che “dimostra come quando si parla di cultura non ci si riferisce solo al generico concetto d’arte né al puro folklore, ma a quel complesso di situazioni che fanno di un luogo, o piuttosto di un insieme di luoghi, un fenomeno turistico irripetibile”. Si è così espresso il sindaco Filippo Taranto dopo la premiazione, avvenuta il 23 marzo a Roma presso l’area Archeologica dello Stadio di Domiziano in presenza del Sottosegretario di Stato dei Beni Culturali e del Turismo.

Il primo cittadino ha poi rivolto un sentito ringraziamento all’Associazione Culturale Giovan Guerino, per la perfetta organizzazione da cui emerge la capacità di far riferimento a un insieme di valori spirituali, ideologici e materiali, che si pongono come momento centrale nelle politiche turistiche, nelle progettualità e nelle pianificazioni relative a un nuovo modello culturale di assetto del territorio.

(Redazione da Comunicato a cura di Francesca Bisbano)


Riunione polizia stradale a Montalbano

Riunione Operativa della polizia stradale al Castello Federico II di Montalbano Elicona

Argomenti :

Vertice operativo a Montalbano Elicona, per la polizia stradale del compartimento della Sicilia orientale. Al castello Federico II, mercoledì 15 marzo, erano presenti i responsabili dei distaccamenti di Catania, Messina, Siracusa, Enna e Ragusa, coordinati dal dirigente superiore della divisione dottor Cosimo Maruccia.

L’incontro ha posto l’attenzione sulle misure di sicurezza da adottare in occasione della santa pasqua e mantenere una viabilità stradale e autostradale perfetta. “Ho scelto Montalbano Elicona” ha dichiarato il dottor Maruccia “perché né sono appassionato e qui ci sentivamo di poter lavorare in completa tranquillità” . Apprezzamenti sentiti e condivisi tra i presenti, ai quali è andato il ringraziamento del sindaco Taranto per l’impegno profuso nello svolgimento dell’attività quotidiana a servizio della società civile e dello stato.

In ricordo dell’evento, che rappresenta un importante momento di condivisione della legalità sul territorio, il primo cittadino ha consegnato una targa a Maruccia.

Francesca Bisbano