Festa dei Morti: addio ad Angelo Casella presidente dell’Associazione A.M.A.L.A.C.

Angelo Casella

Festa dei Morti: addio ad Angelo Casella presidente dell’Associazione A.M.A.L.A.C.

Scomparsa improvvisa del caposquadra dei Vigili del Fuoco in pensione. Montalbano si stringe alla famiglia Casella, onorando l’uomo che nel 2003 ottenne la medaglia d’oro al valore civile



angelo_casellaCome diceva “Paul Valèry”, scrittore e filosofo francese del primo novecento “la morte è una sorpresa che rende inconcepibile il concepibile”. Ed è proprio fra stupore e incredulità che sul web si apprende la scomparsa di Angelo Casella, presidente dell’ A.M.A.L.A.C. (Associazione Montalbanese Arcieri Lanciatori di Asce e Coltelli).

Ignote le cause del decesso, sopravvenuto tra la notte di martedì e la mattina di mercoledì 2 novembre. La comunità affranta si unisce al dolore della famiglia e lo ricorda come un uomo speciale. Questo in quanto il 16 febbraio del 2003 Angelo, caposquadra dei Vigili del Fuoco di Sant’Agata di Militello, fu il primo a prestare soccorso alla famiglia Salpietro, durante un terribile incendio divampato in casa per una fuga di gas. Nonostante fosse sprovvisto di protezioni e attrezzature adeguate, in quell’occasione salvò la vita a Maria Indaco e alla figlia Valeria.

Oltre ai meriti riportati sul lavoro, Angelo Casella era una personalità eclettica e dinamica. Dalla passione per  la botanica e il tiro con l’arco nutriva interesse per il restauro e la lavorazione del legno, in una piccola bottega di paese. Il 10 febbraio del 2000, invece, nella tredicesima puntata della settima edizione di “Scommettiamo che” condotta da Fabrizio Frizzi, in poco più di tre minuti tagliava a metà un’autovettura. Ancora, non erano mancate per lui le occasioni di mettersi in gioco per rilanciare l’economia del piccolo borgo, come l’ultima idea di realizzare un sito di acquacoltura nel fiume Elicona.

Domani pomeriggio si svolgeranno i funerali nel santuario della Madonna della Provvidenza.

Francesca Bisbano

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Montalbano Elicona candidata a “Comune Europeo dello sport 2017”


Domani via al sopralluogo della commissione ACES Europe, con supervisione degli impianti sportivi e performance delle associazioni locali, per decretare se il paese otterrà il titolo



“Lo sport è lo strumento con cui l’uomo prende coscienza di sé, delle proprie abilità e di quei limiti, che nel rispetto delle regole e degli avversari, può superare grazie al lavoro di squadra. Se applicati al quotidiano, questi principi non possono far altro che migliorare l’esperienza sociale dei cittadini.”
Così il sindaco Filippo Taranto, ha annunciato l’arrivo della Commissione ACES Europe, per la candidatura di Montalbano Elicona a “Comune Europeo dello Sport 2017”.

Dal 2001 l’ACES Europe con sede a Bruxelles, propone l’assegnazione di premi specifici quali: Europen Capital of Sport; “European City of Sport” (per i municipi con più di 25.000 abitanti); Europen Town of Sport (sotto i 25.000 abitanti) ed European Community of Sport (per le unioni di comuni o le piccole entità). Questi riconoscimenti, secondo i principi di etica, responsabilità e dello sport come fattore di integrazione collettiva, vogliono incentivare i comuni alla promozione di tali pratiche fra i cittadini, per il miglioramento della qualità della vita e della salute di chi lo pratica.

Sulle citate premesse l’amministrazione comunale di Montalbano Elicona, ha convocato le associazioni sportive, che mercoledì 8 giugno dalle 09,00 alle 12,30, daranno prova di abilità con dimostrazioni ed esibizioni delle attività praticate sul territorio. Alle gare di tiro con l’arco a cura dell’associazione A.M.A.L.A.C., le performance dell’Aurora Equiteam a partire dalle 11,30 presso il campo sportivo e le spettacolari sfide del Motoclub MG Motalbano, si alterneranno giochi e percorsi sportivi, che in piazza Maria Santissima della Provvidenza, coinvolgeranno i ragazzi della Scuola Elementare e Media “Roncalli”.

In programma anche un’esibizione di mountanbike dell’associazione Mountalbike, con visita guidata all’Argimusco e una rievocazione dell’ingresso della Corte di Federico III d’Aragona in Terra et castrum Montis Albani, curata dall’Associazione Rievocazioni Storico Religiose di Montalbano Elicona.

Conclude Taranto: “l’evento, che ha già coinvolto un numero significativo di giovani, permetterà non solo di diffondere e sostenere la cultura dello sport in linea con i principi europei, ma anche di potenziare gli investimenti futuri nel settore. Non a caso, infatti, il mantenimento degli impianti sportivi e l’impegno nel garantire efficiente il servizio, potrebbe divenire un’ attrattiva per i turisti e spingerli a prolungare i loro soggiorni in paese.

Francesca Bisbano