CON PIETRANGELO BUTTAFUCO MONTALBANO AVVIA IL PROGRAMMA DI AGOSTO

Montalbano Elicona

CON PIETRANGELO BUTTAFUCO MONTALBANO AVVIA IL PROGRAMMA DI AGOSTO

Al castello Federico II, via alla festa di agosto con la presentazione spettacolo di brani tratti dal libro “I baci sono definitivi”

 

“Gli amori dai quali ci si lascia trasportare sono gli amori gracili, momenti di vita che non sono giorni o notti ma istanti senza struggimenti, senza sfinimenti ma sempre affamati e insaziabili. E come ieri – nel viaggio della metropolitana da Battistini a Lepanto – tra i pendolari aggrappati al corrimano, ci sono Ghoethe e Charlotte. Lei ha fame, lui non più. Il mese di marzo porta linfa. Suggerisce ciò che c’è da suggerire. E lei dice a lui “Ti restituisco i baci, terrò tutti i rimpianti”. E’ con i “Baci sono definitivi” di Pietrangelo Buttafuoco, scrittore e giornalista italiano per il Foglio e Repubblica, che il comune di Montalbano Elicona apre il programma d’agosto.

 

Un evento di nicchia che ha visto, venerdì 04 agosto al castello Federico II la realizzazione di una presentazione spettacolo, con la partecipazione di Mario Incudine e Antonio Vasta.
Sulla Linea Cornelia, ore 06,00, arriva lei che lui non conosce: due anime che non si sono mai incontrate, ma riconosciute fra loro. Si desiderano. E’ la prima vampa d’estate. Alla linea B, Colosseo/Piramide, 16,29, invece una musicista chiamata Tosca, sfodera un tatuaggio sontuoso che stupisce l’amica. E’ solo tinta di henné e andrà via, ma un uomo s’intromette fra loro. Nulla è per sempre, eccetto i baci: quelli sono definitivi e restano oltre la transitorietà del vivere quotidiano di una stazione, affollata da viaggiatori che sognano e vivono fugaci passioni.

 

Dalla narrativa alla manualistica, sabato 05 agosto 2017 al castello Federico II sarà presentato il volume “I grani Antichi Siciliani”. Il testo scritto da Gianfranco Venora e Sebastiano Blangiforti, ricercatori della Stazione Sperimentali di Granicoltura per la Sicilia, contribuisce alla valorizzazione di un patrimonio culturale e alimentare unico, che fa della Sicilia il crocevia naturale di un nuovo modo di intendere il cibo. Esso si compone di una parte argomentativa, nella quale gli autori ricostruiscono la storia del frumento quale identità dell’isola e di una tecnica che si rivolge ai contadini, agli amatori, ai consumatori consapevoli e a tutti coloro che hanno a cuore una storia che parte da lontano.

 

A seguire il 09 agosto, ore 22,00, si terrà in piazza Maria SS della Provvidenza lo spettacolo ” Musicando al Chiaro di Luna”, il 10 la Gara del Dolce nella Frazione di Braidi e l’11 agosto la “Festa del Tortone” a Santa Barbara. Novità assoluta l’escursione in notturna all‘Argimusco il 12 agosto, ore 21,00, in compagnia dell’archeoastronomo Andrea Orlando per la Notte delle Perseidi. In occasione dell’evento sarà possibile osservare a occhio nudo lo sciame meteorico, che la Terra attraversa durante il periodo estivo muovendosi intorno al sole. Il 16 agosto, ore 18,30, inoltre, in memoria del medievalista Alessandro Musco, si svolgerà al castello la presentazione degli atti del Convegno su “Arnaldo da Villanova e la Sicilia”, personaggio cui sarà dedicata la mostra d’arte “Alchemy” del 17 agosto.

 

Chiudono il programma: la commedia brillante “Taspettu nto paradisu” dell’Associazione Le Nuove Immagini, il 17 agosto ore 21,30 in Piazza, la 39esima edizione delle Feste Aragonesi del 18, 19 e 20 agosto 2017 con il torneo di tiro con arco medievale LAM, il recital poetico “Operaio di sogni… vi racconto il mio Salvatore Quasimodo” il 21 agosto, ore 19,00 al castello, la Festa Patronale del 24 agosto, lo spettacolo musicale degli Sugar Free in piazza il 25 agosto e la presentazione del libro di Andrea Italiano su Filippo Jannelli il 27 agosto, ore 18,00 al castello.

 

F.B.

 

In allegati il programma dettagliato:


Panorama: scopri con noi cosa vedere a Montalbano Elicona

SECONDA EDIZIONE DI “ORIENTARSI VERSO LA MEDICINA OSTEOPATICA”

Convegno divulgativo-scientifico al castello di Montalbano Elicona, per conoscere l’osteopatia e approfondirne l’applicazione terapeutica in campo sportivo

 

Si terrà domenica 30 luglio 2017, presso il castello Federico II di Montalbano Elicona la seconda edizione del convegno divulgativo scientifico “Orientarsi verso la medicina osteopatica, dalla formazione alla professione”.

 

L’evento promosso dalla Accademia di Medicina Osteopatica Superiore, sede di Messina, in collaborazione con l ‘A.N.P.O. (Associazione Nazionale Professionisti Osteopati) e il Comune di Montalbano Elicona, è finalizzato a far conoscere la scienza osteopatica e la sua azione terapeutica in campo sportivo.

 

L’osteopatia (dal greco antico ὀστέον ostéon, “osso” e πάθος, páthos, “sofferenza”) è una terapia medica alternativa che consiste nella manipolazione di alcune parti del corpo, in particolare: schiena, testa e collo. A coniare il termine fu il medico statunitense Andrew Taylor Still che nel 1892 fondò l’American School Osteopathy, ma l’uso delle mani per il trattamento della colonna vertebrale e delle articolazioni ha origini molto antiche.

 

Prima ancora che Ippocrate documentasse l’utilizzo del trattamento manipolativo nel “Trattato delle Articolazioni”, la pratica era nota agli Egizi. Nella Roma antica Galeno (II secolo a.c.) guarì lo storico Pausania da un grave dolore al braccio con una manipolazione mirata del rachide cervicale. Nella medicina araba, erede di quella greca, si utilizzavano abitualmente tecniche manuali per la correzione di deformità, gibbi e curve scoliotiche, mentre nel Medioevo le tecniche furono tramandate dai cosi detti “aggiusta ossa” o “rebouter de campagne” in Francia, cui non erano estranei i significati di “nervo accavallato” o “vertebra spostata”.

 

L’osteopatia supporta la medicina tradizionale, in base al principio per cui il corpo può fabbricare da se i rimedi contro le malattie. In particolare essa si propone di risistemare lo scheletro, i muscoli, i legamenti, le viscere e il sistema cranio-sacrale, in modo che tutti i liquidi circolino normalmente.

 

A partire dalle 15,00 dopo i saluti istituzionali del sindaco Filippo Taranto interverranno il prof don Gaetano Maria Saccà fondatore A.M.O.S., il Segretario Nazionale A.N.P.O. Paolo Cola, il prof Giuseppe Forestieri presidente A.N.P.O che tratterà le problematiche disfunzionali legate all’attività sportiva e il dottor Massimo Catini per la presentazione del saggio “L’olio della consolazione e il vino della Speranza”. Modera Salvatore Pantano, giornalista di OndaTV.

 

Subito dopo il convegno, dalle ore 20,00 alle 21,00, si terrà una partita di calcetto presso il campo adiacente alla palestra comunale “Bartolomeo Buccheri”.

 

Comunicato stampa a cura di Francesca Bisbano


Riunione al vertice con i Borghi più Belli d’Italia per l’approvazione della Legge sulle Montagne

Il Presidente Fiorello Primi del Club”Borghi più belli d’Italia” e l’onorevole Giovanni Ardizzone discutono al castello Federico II di Montalbano Elicona, sugli interventi e l’evoluzione del sistema di governance turistica siciliana.

 

L’ingresso del Castello

In attesa di ripresa dei lavori all’ARS per la legge sulla montagna, i borghi italiani riaprono l’argomento.

 

Sabato 22 luglio, ore 10,00, Fiorello Primi presidente del club Borghi Più Belli D’Italia, incontrerà al Castello Federico II di Montalbano Elicona Giovanni Ardizzone, presidente dell’ Assemblea Regionale Siciliana, per sostenere l’approvazione di una proposta che vuole rilanciare l’entroterra siciliano.

 

Il progetto firmato dai deputati Marziano, Barbagallo, Di Pasquale, Maggio, interessa più di 200 comuni montani e prevede l’istituzione delle “zone franche montane“, soggette a particolari regimi fiscali. Contro l’emigrazione, lo spopolamento progressivo e il ristagno delle attività economiche, il ddl 981/2015 dispone l’istituzione di un Fondo Unico per la Montagna aggiuntivo a quello ordinario degli Enti locali e misure tendenti a favorire l’acquisto e la ristrutturazione di immobili da destinare a prima abitazione, per coloro che trasferiscono la propria residenza e dimora attuale in un comune montano.

 

A sostegno delle attività agricole e zootecniche, quali strumenti di consolidamento della presenza antropica nei territori montani, il documento detta misure d’innovazione e politiche a favore dei giovani, con l’attivazione di servizi di supporto per le start-up innovative. Non meno importante la tutela dei prodotti tipici a marchio DOP, che dovranno essere inseriti in un apposito Albo tenuto presso l’Assessorato Regionale dell’Agricoltura.

 

La legge sulle montagne pone poi attenzione allo sviluppo turistico locale. In particolare l’art. 13 disciplina il ricorso a specifiche intese per il recupero delle stazioni ferroviarie disabilitate o non presidiate. Queste potranno essere concesse in comodato d’uso ad associazioni di volontariato, per farne presidi di protezione civile, punti di informazione turistica, centri di educazione ambientale o sportelli per il cittadino.

 

In occasione dell’evento patrocinato dal Comune di Montalbano Elicona, dopo i saluti istituzionali del sindaco Filippo Taranto : Salvatore Bartolotta Coordinatore Regionale dei Borghi Più Belli D’Italia, Filippo Grasso Consulente Assessorato Regionale del Turismo e Antonio La Spina Presidente UNPLI (Unione Nazionale Proloco D’Italia) interverranno sulle linee guida del DMO in Sicilia. L’acronimo che sta per Destination Management Organization, indica un modello logistico di strutture e servizi, per la gestione di destinazioni turistiche atte a rafforzare attraverso l’accoglienza, la promozione e l’informazione le risorse delle varie identità territoriali.

Modera il Dottor Giuseppe Simone.

 

Redazione da Comunicato a cura di Francesca Bisbano

 


Riunione polizia stradale a Montalbano

Riunione Operativa della polizia stradale al Castello Federico II di Montalbano Elicona

Argomenti :

Vertice operativo a Montalbano Elicona, per la polizia stradale del compartimento della Sicilia orientale. Al castello Federico II, mercoledì 15 marzo, erano presenti i responsabili dei distaccamenti di Catania, Messina, Siracusa, Enna e Ragusa, coordinati dal dirigente superiore della divisione dottor Cosimo Maruccia.

L’incontro ha posto l’attenzione sulle misure di sicurezza da adottare in occasione della santa pasqua e mantenere una viabilità stradale e autostradale perfetta. “Ho scelto Montalbano Elicona” ha dichiarato il dottor Maruccia “perché né sono appassionato e qui ci sentivamo di poter lavorare in completa tranquillità” . Apprezzamenti sentiti e condivisi tra i presenti, ai quali è andato il ringraziamento del sindaco Taranto per l’impegno profuso nello svolgimento dell’attività quotidiana a servizio della società civile e dello stato.

In ricordo dell’evento, che rappresenta un importante momento di condivisione della legalità sul territorio, il primo cittadino ha consegnato una targa a Maruccia.

Francesca Bisbano


I megaliti dell'argimusco. foto di silvio scuto

“I megaliti dell’Argimusco: Tra storia Scienza e Miti”



A Messina incontro, promosso dal Comune di Montalbano Elicona, per discutere le potenzialità turistico-attrattive del sito



Dalle Grotte della Gurfa (PA) al Monte San Basilio (CT), dalla Rocca di Cefalù a Monte

orante_argimusco_foto

Orante – Foto di Eugenia Bavastrelli

Giglione (Oliveri-Falcone) alla Grotta Mandra (Barcellona P.G.-Castroreale), in Sicilia sono moltissimi i luoghi misteriosi dalle origini antiche.

Fra le aree rivalutate e quelle che attendono di essere restituite alla memoria collettiva, la contrada Argimusco poco distante dal centro di Montalbano Elicona, eletto “Borgo dei Borghi 2015”, spicca per originalità. Studi passati e recenti ipotizzano una sua antropizzazione sin dall’epoca Neolitica e attualmente pur non essendo mai stati compiuti scavi archeologici ufficiali, si crede sia un antico calendario astronomico. La natura infatti lo ha dotato di un rilievo esclusivo, in quanto sul profilo orientale la Rocca Salvatesta a dominio del borgo di Novara di Sicilia, funge da indicatore equinoziale. Coppe e formelle intagliate sulle rocce suggeriscono poi l’esistenza di un primitivo sistema di misurazione delle piogge, mentre la vasca rettangolare sulla rupe dell’Orante potrebbe essere stata destinata alla celebrazione di culti mistico-religiosi.

Ancora l’Argimusco fa parte della pre-riserva del Bosco di Malabotta, uno dei più grandi contenitori di biodiversità animale, vegetale e forestale dell’intero bacino mediterraneo. Numerose sono le erbe benefiche che crescono sull’altopiano, pante che tra l’altro conservano un altissimo valore simbolico. Quest aspetti insieme alle problematiche legate alla fruizione turistica del sito, saranno trattati, venerdì 2 dicembre, nel convegno: “I megaliti dell’Argimusco- tra storia, scienza e miti”.

L’evento patrocinato dal comune di Montalbano Elicona in collaborazione con l’A.S.A.S. (Associazione Siciliana Arte e Scienza) l’università e l’amministrazione comunale di Messina, si terrà Venerdì 2 dicembre,  presso il Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca, ore 16,30.

Dopo i saluti istituzionali dei sindaci Filippo Taranto di Montalbano Elicona e Renato Accorinti di Messina, interverranno Maurizio Gaetano Pantano, autore del libro Megaliti di Sicilia, Nicola D’Amico, dottore in Scienze Naturali e guida turistico-ambientale e il dottor Giovanni Albano, direttore ASP 5 Messina e cultore di storia locale. Modera la dottoressa Alba Terranova.

Francesca Bisbano

In allegato la locandina dell’evento:

locandina_convegno_argimusco_messina


Migranti

Montalbano Elicona, il comune organizza convegno sull’immigrazione



Dal diritto alla politica: appuntamento al castello per indagare le ragioni del fenomeno che oggi diventa emergenza



Il salone delle armi- presso Castello Federico II di Montalbano Elicona

Il salone delle armi- presso Castello Federico II di Montalbano Elicona

Sabato 26 novembre 2016 il comune di Montalbano Elicona in collaborazione con il Centro Studi del Mediterraneo, l’A.I.G.A. (Associazione Italiana Giovani Avvocati) e gli ordini degli avvocati di Messina, Patti e Barcellona Pozzo di Gotto, propone al castello Federico II l’incontro formativo: “Legislazione sull’Immigrazione-Tra diritto dell’emergenza politica e sociologica”.

Il convegno si terrà nel salone delle armi a partire dalle ore 09,00 e sarà accreditato con tre punti sulla Formazione Permanente dell’Avvocatura. Dopo i saluti istituzionali del sindaco dottor Filippo Taranto interverranno Giovanni De Marco, presidente del Tribunale di Barcellona P.G., Francesco Russo, presidente ordine avvocati Barcellona P.G, Antonino Maio, presidente A.I.G.A.-Sezione di Barcellona P.G e il dottor Emanuele Crescenti, procuratore della Repubblica di Barcellona P.G. Moderano Ignazio Fonzo, Procuratore della Repubblica Aggiunto di Agrigento; Nunzio Martello, contrammiraglio M.M.-Direzione Marittima di Catania, Adalgisa Di Brisco, Commissario Capo- Ufficio Immigrazioni Questura di Messina, Giovannella Scaminaci Procuratore della Repubblica Aggiunto a Messina e Antonio Centorrino, Presidente Ass.Pe-93-Camera Minorile.

Da qualche anno l’Italia sostiene una pressione migratoria di proporzioni e intensità sempre maggiori. Ad inizio del 2015 si contano circa 26.218 richiedenti asilo, di cui il 6,4% sono minori stranieri non accompagnati. Molti sono sbarcati a seguito di operazioni di salvataggio e in stato di vulnerabilità psico-fisica, tali da renderli facili prede di violenza e sfruttamento della criminalità organizzata. Così la strategia nazionale di intervento nel settore asilo è orientata a una ridefinizione del sistema di accoglinza che consenta il passaggio da una gestione emergenziale del fenomeno a una messa a regime degli interventi, attraverso la realizzazione di un modello di accoglienza flessibile e multilivello che coinvolga Regioni ed Enti locali. Ancora per favorire una più efficace pianificazione e attuazione delle attività previste, è stato istituito un Fondo Europeo per i Rifugiati 2008-2013, con cui sono stati finanziati 149 progetti che garantiscono l’autonomia, la sicurezza e l’inserimento nel mondo lavorativo dei destinatari.

In linea con gli obiettivi del FAMI e l’esigenza di rafforzare il sistema dei servizi di prima e seconda accoglienza su tutto il territorio nazionale, il comune di Montalbano Elicona ha predisposto insieme al CESMED (Centro Studi del Medieterraneo) di Palermo e il comune di Acate (RG), un intervento di aggiornamento indirizzato agli operatori della pubblica amministrazione, per ampliare la capacità degli uffici che offrono servizi all’utenza straniera.
Al dibattito saranno presenti anche la dottoressa Silvana Di Girolamo e la professoressa Antonietta Amoroso, direttrice ITET “E.Fermi di Barcellona Pozzo di Gotto”, scuola che ha sostenuto al senato un disegno di legge sulla creazione di una rete di accoglienza familiare, per i minori stranieri non accompagnati.

 

(Redazione da Comunicato a cura di F.B.)


Montalbano Elicona

Progettiamo la Città: giornata-studio promossa dall’Ordine degli Architetti di Messina e il Comune di Montalbano Elicona, per la tutela e valorizzazione della bellezza

Domenica 20 dicembre 2015, dalle ore 10,00, al convegno seguirà la consegna del Cartello “Comuni Fioriti” e la presentazione di “Sinestesie di Natale” presso il Castello Svevo- Aragonese Federico II



 

Montalbano Elicona – In arrivo “Progettiamo la Città” evento sulla riqualificazione urbana e ambientale, promosso dal Comune di Montalbano Elicona, dalla Città di San Marco D’Alunzio e dall’Ordine degli Architetti di Messina. Con Giovanni Lazzari, presidente del suddetto ordine di professionisti, Pino Falzea, presidente Fondazione Architetti di Messina, Antonio Presti, presidente della Fondazione “Fiumara d’Arte” e l’onorevole Serena Pellegrino, Deputato e Vicepresidente della Commissione Ambiente-Camera dei Deputati, i temi saranno la creazione del “Kilometro della Cultura” a San Marco e “Tutela e valorizzazione della Bellezza” per Montalbano Elicona.

Amministrazioni, cittadini ed esperti del settore s’incontreranno sabato 19 dicembre al Palazzo Congressi e degli Montalbano Borgo fioritoEventi – Margherita di Navarra di San Marco D’Alunzio e domenica 20 al Castello Federiciano di Montalbano Elicona, per riorganizzare insieme specifiche aree del territorio. Obiettivo è sviluppare beni e risorse disponibili, per investire nel settore turistico. Un percorso in parte già avviato dal Comune di Montalbano Elicona (Premio Italia E per la Bellezza e Borgo più Bello d’Italia 2015) con il recupero del castello e del centro storico, che continua con un Protocollo d’Intesa voluto dall’amministrazione Aluntina. A supporto dello sviluppo dell’economia nebroidea, San Marco punta sul Kilometro della Cultura (il corso più bello della Sicilia), destinato ad ospitare l’ IDEA- Museo della Scienza e della Tecnologia, il Museo Archeologico della Cultura e delle Arti Figurative Bizantine e Normanne – MAB, la Galleria d’Arte GADAM, il Centro Congressi Margherita Navarra, il Teatro dei Normanni, il Thik Tank un “serbatoio del pensiero”, dove poter avviare un confronto sulle politiche pubbliche in Sicilia e la Biblioteca Comunale con il Museo d’Arte Sacra.

Borgo di MontalbanoLa sfida parte dai Borghi dove eccellenza e qualità passano anche attraverso la “Bellezza”. Ed è proprio dal concetto di bello come bene comune, che Montalbano pensa a una possibile collaborazione con l’ARCHME di Messina. Il dibattito sarà aperto dal sindaco dottor Filippo Taranto e il vice-sindaco Onorevole Marcello Greco, presidente della V Commissione Lavoro-Formazione e Cultura ARS. Per l’occasione, con le miss e testimonial di bellezza Stella Giunta e Asia Tramontana, l’Amministrazione Comunale riceverà da Michele Isgrò Coordinatore Comuni Fioriti- Sicilia, il cartello con due Fiori rossi da apporre all’ingresso del paese.

La giornata proseguirà con le visite guidate nel borgo a partire dalle 14,00, l’inaugurazione del Presepe Artistico nella chiesetta di Santa Caterina d’Alessandria e si concluderà con “Sinestesie di Natale”: la Natività attraverso forme, colori e odori, di Salvatore e Ilaria Caputo, ore 17,00 al castello.

Francesca Bisbano

In allegato il Programma dettagliato dell’evento:

Consegna cartello comuni fioriti montalbano elicona


Locandina Convegno Sicilia Millenaria

“Sicilia Millenaria. Dalla Microstoria alla Dimensione Mediterranea”: a Montalbano Elicona dal 9 all’11 ottobre 2015

Il Convegno curato dall'Università di Messina insegna ad apprezzare la cultura come sinonimo d'identità Regionale.

Paese fecondo per l’abbondanza di beni e la pescosità dei suoi mari, la Sicilia ha sempre suscitato l’interesse di popoli antichi e moderni.

Nei “Fogli Italiani” del 1890, Karel Capek scrive : “L’influenza della cultura spagnola è l’ultima della serie, la prima è quella greca, la seconda e la terza sono saracena e la normanna, il Rinascimento l’ha sfiorata soltanto. E adesso annaffiate queste diverse componenti culturali con il sole abbagliante, con la terra africana, con un mucchio di polvere e con vegetazione bellissima e avrete la Sicilia”.

Elimi, Siculi, Sicani, Greci e Romani, Bizantini, Arabi, Normanni, Ebrei e Inglesi, testimoniano l’incredibile ricchezza culturale che fa di quest’isola uno strano e divino museo di architettura italiana. Dalla Guerra dei Vespri alla conquista Normanna, dalla Cacciata degli Arabi all’ascesa della Casa di Svevia, dal Regno d’Aragona alle dominazioni spagnola, piomentese e borbonica, fino all’Unità d’Italia, la storia della Sicilia si compone anche di vicende e fatti particolari. Singoli accadimenti, episodi sotto alcuni aspetti anomali, credenze e culture, che mutano da provncia a provincia, rappresentano il più delle volte, una fonte necessaria per ricostruire l’identità regionale. Ed è proprio la ricerca che conduce all’analisi di tante realtà, filtrate attraverso storie e mentalità locali a costituire l’oggetto del Convegno regionale: “Sicilia Millenaria. Dalla Microstoria alla dimensione Mediterranea”.

L’evento patrocinato dal Comune di Montalbano Elicona con il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università di Messina, propone un’originale ricostruzione del tessuto storico-artistico-etno-antropologico dell’ambiente isolano.
Quaranta relatori, dal 9 all’11 ottobre 2015 presso il castello svevo-aragonese Federico II, articoleranno in un’ottica comparativa, il dibattito su temi solo apparentemente lontani fra loro. Dai culti alla toponomastica, dalla cultura ebraica a quella bizzantina, dall’archeologia all’arte, all’architetttura, al diritto, alle tecniche militari di difesa, prospettive diverse mirano a cogliere la dimensione mediterranea della Sicilia antica.

Conoscere il passato diventa dunque strumento, per comprendere il presente e orientare il futuro. Così la prima settimana di ottobre nel borgo più bello d’Italia si chiude all’insegna della cutura, non più diletto per pochi eletti, ma bene che renda sempre più cosciente il cittadino dello spazio ove vive. Questo in quanto, conoscere significa anche saper apprezzare un insieme di beni comuni, che vanno garantiti per le generazioni future.

A moderare il dibattito saranno i docenti Elena Santagati, Antonio Baglio e Giuseppe Lipari, con il coordinamento di Luciano Catalioto dell’Università di Messina, mentre per l’organizzazione si ringraziano il dottor Giuseppe Pantano e lo studioso Filippo Imbesi.
I tre incontri, nel corso dei quali sarà dato spazio fra l’altro all’ubicazione del Monastero greco di contrada Sant’Elia, all’archeologia e l’astronomia dell’Argimusco a cura di Andrea Orlando, potranno essere seguiti in diretta streaming sul sito: www.innovationtv.it

Francesca Bisbano

In allegato il programma completo del convegno “Sicilia Millenaria”

Sicilia Millenaria-Montalbano Elicona 2015