Prima edizione Montalbano Mistico Fest

Montalbano Mistico Fest

Prima edizione Montalbano Mistico Fest

Annunciati i nomi degli artisti che dal 28 al 30 ottobre, parteciperanno al Festival artistico della sacralità

Organizzatori e Comune puntano sul turismo di qualità, con un evento che sappia coniugare arte, letteratura, musica e innovazione

dea_orante_argimusco

Inizia il conto alla rovescia per Montalbano Mistico Fest. Dal 28 al 30 ottobre il comune di Montalbano Elicona, eletto “Borgo dei Borghi 2015” ospiterà una grande rassegna artistica multidisciplinare, dedicata al sacro in tutte le sue inclinazioni.

Musica, danza, cinema, teatro e performing art, animeranno un evento che propone un salto di qualità nell’offerta turistica-culturale locale. Tra i nomi annunciati spiccano per la musica, quelli di Juri Camisasca, Rosario Di Bella e Nuclearte in concerto al castello Federico II il 29 e 30 ottobre.

Due serate dedicate alle sperimentazioni sonore contemporanee. Il 29 il duo Camisasca-Di Bella porterà in scena “Spirituality”, un lavoro che restituisce centralità alla crescita dell’individuo e in una visione panteistica di corrispondenze mistiche, ben sin armonizza con le tematiche legate alla sacralità dei luoghi del festival. Dal Borgo medievale all’Argimusco, ogni pietra, ogni angolo, ogni squarcio visivo s’inserisce in un circuito sacro che va oltre le barriere geografiche ed è animato da un’energia profonda e senza tempo. Il 30 i Nuclearte chiuderanno la manifestazione con le armonie celesti di Endo. Suoni esoterici, atmosfere spaziali e vibrazioni ad altissimo potenziale emozionale, condurranno l’ascoltatore in viaggio alla scoperta dell’armonia universale, traducendo in note l’energia natuarale di tutte le cose.

Confermata anche la partecipazione degli artisti Livio e Manfredi Arminio e del gruppo Podolika Tour.
In ultimo la sezione scientifica ospiterà l’archeoastronomo Andrea Orlando con i suoi “Itinerari del Cielo” dal sito megalitico dell’Argimusco e il paesologo Franco Armino con una conferenza su “Geografia commossa dell’Italia interna”, mentre per la sezione letteraria sono previsti incontri su temi diversi.
Dal sacro al profano ai “Gurdiani del cielo” di Maurizio Baidata, seguiranno il 29 al castello gli appuntamenti con il misticismo femminile di Santa Eustochia Smeralda Calafato, Suor Chiara Lucia e la montalbanese Ernestina Ballarino Mobilia. Juri Camisasca tornerà invece domenica 30 nella Chiesa di San Michele con un incontro spirituale su icone e suoni matrici.

Ipazia88

In allegato il programma del Montalbano Mistico Fest:

Programma del Montalbano Mistico fest


Cielo stellato sopra l'Argimusco

Il potere curativo della liberazione



VICKI NOBLE e IL LINGUAGGIO ANTICO DI MADRE TERRA

Equinozio d’autunno 24 e 25 settembre tra Argimusco (Montalbano Elicona ME) e Etna (Nicolosi CT)



vicki noble

Vicki Noble

Femminista, scrittrice e studiosa delle culture matrifocali, Vicki Noble arriva in Sicilia con un weekend interamente dedicato alle donne.

Due incontri: uno a Montalbano Elicona, l’altro a Nicolosi daranno voce alle culture che onorano la Terra in armonia con tutte le sue creature. Così sabato 24 e domenica 25 settembre la nota saggista americana, terrà un seminario sul linguaggio antico della Terra.

Non si tratta di ritornare al passato, ma di scoprire un nuovo rapporto con la natura e ritrovare il giusto equilibrio interiore. Sui Crateri dell’Etna e nell’anfiteatro naturale dell’Argimusco, considerato da molti un calendario solare-lunare, con canti, danze, meditazioni e rituali in movimento, si celebrerà dunque l’arrivo dell’autunno per entrare in sinergia con il creato.
Contemporaneamente sotto l’efige della Donna Orante che da Argimusco volge lo sguardo alle isole Eolie, si ripercorreranno le orme di Eleonora D’Angiò, Regina di Trinacria, che si ritiene avere un legame particolare con i megaliti di Montalbano.

Da qualche anno la Noble si dedica allo studio delle Dakini, divinità femminili di origine tibetana che rappresentano una sorta di icona della libertà femminile. Riadattandone le caratteristiche al concetto di femminino sacro e alla necessità di porre le donne oltre il ruolo di madri e custodi della famiglia, Vicki ripropone una nuova idea di femminismo. Per cui al di là del forte significato religioso di queste figure, le Dakini sono spiriti liberi per definizione. Esiste dunque una certa simmetria tra la rivendicazione della libertà materiale delle donne con quella spirituale, che rigetta il ruolo passivo e dismesso dell’essenza femminile.

A contatto diretto con la natura incontaminata, in luoghi che tutt’oggi riservano un fascino mistico, sarà dunque possibile vivere una nuova esperienza rigenerativa. Tornare a svolgere dei rituali, anche solo per celebrare il ciclo delle stagioni e della luna, non è solo un modo per affrancarsi psicologicamente, ma anche un’occasione per tornare in salute, fuggendo dalla monotonia, lo stress e le ansie del mondo moderno.

Francesca Bisbano


Montalbano Elicona

Week-end culturale a Montalbano Elicona, quando l’arte si apre agli altri



Due giorni di animazione nel “Borgo dei Borghi 2015”, dedicati all’arte, la musica e la letteratura



Arte, musica, poesia e teatro, Montalbano Elicona chiude l’estate 2016 con il week end della cultura.

Dal concerto “Dolci Armonie” della corale polifonica “Aurora Vocis”, dedicato alle vittime di Amatrice, Arquata e Accumoli, alla commedia brillante “Ri undi vieni, vieni… basta chi vi vuriddi beni” dei “I Tiatranti ra stricchiera”, domenica ore 21,39-piazza Maria SS della Provvidenza, il sapere diventa solidale.

Due giorni dove la parola d’ordine è “aprirsi agli altri”, vedono il Castello Federico II, la piazza e la chiesa Maria SS della Provvidenza, diventare un punto di riferimento per la crescita individuale e collettiva. Obiettivo è incentivare la produzione artistica, non come sodalizio per pochi eletti, ma quale valore sociale che contribuisca a sviluppare turismo intelligente.

Per questo si è pensato di accostare forme di espressione diverse: dalle più semplici e genuine della tradizione teatrale locale a quelle più complesse della poesia e della pittura di personaggi, noti in contesti internazionali.

Al castello, infatti, è già stata allestita la collettiva d’arte itinerante”Animangelo”, con la partecipazione di Roberta Serenari e Carla Poggi, legate al gruppo di Vittorio Sgarbi.
Domenica pomeriggio,invece, i riflettori sono stati puntati sulla poetessa-attrice Giulia Perroni, presente in antologie italiane, statunitensi, giapponesi e francesi, nonché in riviste come le “Reti di Dedalus”, “Gradiva” a New York, Il “Fuoco della Conchiglia” in Giappone e “Les Citadelles” a Parigi”. Montalbano e il castello svevo-aragonese sono stati scelti dall’autrice, per la presentazione del libro “La Tribù dell’Eclissi”, dove attraverso la metafora colta nel rapporto ancestrale uomo-natura, la Perroni riconquista le identità e le affinità, che costituiscono l’essenza di tutte le cose.

F.B.


Pane

Seconda edizione di PANES : la festa del pane di Montalbano Elicona



Panes, la festa del pane di Montalbano Elicona: produzione e degustazione del pane in piazza, con rievocazione di scene di vita agreste, mostra di attrezzi antichi e rito della trebbiatura



Torna giovedì 25 agosto l’appuntamento con Panes, la Festa del Pane di Montalbano Elicona.

Giunto alla sua seconda edizione, l’evento promosso dall’Associazione Culturale Giovan Guerino, farà rivivere in Piazza Maria SS della Provvidenza, scene di vita agreste e attività legate alla terra.

In viaggio a ritroso nel tempo, quando il lavoro nei campi era fatica e divertimento, i contadini montalbanesi vestiranno abiti tradizionali. Inforcate falci e forconi, gli uomini riprodurranno i riti della “spagliara” e della “pesara” (trebbiatura con capestio), con i muli che gireranno in tondo pigiando il frumento. Le donne, invece, impasteranno il pane, secondo l’usanza locale: dalla cernitura della farina “cu crivellu” (setaccio per togliere la crusca) all’impasto nella “mailla”, con farina, acqua calda, sale e aggiunta “ru criscienti” (lievito consistente in un piccolo pezzo d’impasto di pane, lasciato inacidire).

Festa del pane a Montalbano Elicona 2016

Fatto lievitare naturalmente e infornato sul posto, il pane potrà essere gustato direttamente presso gli stand dell’associazione. Si potranno così apprezzare sapori unici, con la degustazione della “guastella” condita e antiche fantasie di ricette locali.

L’incontro che propone al visitatore occasione di svago, assume contemporaneamente una funzione educativa. Durante la rievocazione, infatti, i partecipanti potranno conoscere le varietà più antiche di grani, ancor oggi custodite e coltivate per uso domestico dagli abitanti di Montalbano, nonché rivivere tra sacro e profano il ricordo di un modo di essere nella cultura popolare siciliana.

Ospite d’eccezione Greta Cacciolo, vincitrice del cinquattottesimo Zecchino D’oro e Mario Incudine che, per il cartellone degli eventi estivi montalbanesi, chiuderà la serata in concerto.

FB

C’era una volta il pane di Montalbano, video :


Feste aragonesi 2016

“Feste Aragonesi”: si apre la trentasettesima edizione con un’altra tappa del Festival di Archeo-astronomia “Pietre&stelle 2016”


Al castello Andrea Orlando, spiega il mistero delle pietre dell’Argimusco, mentre il professore Giuseppe Tropea parla di Cammini Francigeni


(da comunicato)

Dal 18 al 20 agosto, a Montalbano Elicona si celebra la trentasettesima edizione delle “Feste Aragonesi”. Nate per rievocare l’ingresso di Re Federico III “Il grande” in “Terram et Castrum Montis Albani”, quest’anno i tre giorni di animazione medievale nel borgo, ospiteranno la terza tappa del Festival “Pietre e Stelle 2016”.

Dopo il grande successo dell’edizione 2014 che ha visto la partecipazione straordinaria di Franco Battiato, si ritorna all’Argimusco. Non sul sito, ma nell’imponente Castello svevo aragonese Federico II, dove venerdì a partire dalle 21,00, alla conferenza su: “Argimusco e il mito dell’acqua alla Corte di Aragona” del dottor Andrea Orlando, seguirà la proiezione del docu-corto: “Argimusco: il mistero delle Pietre” di Francesco Montefuso.

Tutte le sere poi, a partire dalle 21,30, nelle piazze e gli angoli più caratteristici del centro storico, si svolgeranno duelli, spettacoli di falconeria, rievocazioni di antichi mestieri, narrazioni dei cunti dell’epica cavalleresca, scene di vita quotidiana con l’allestimento di botteghe e mercati medievali, nonché performance di giocolieri e artisti di strada. Previste anche dimostrazioni di tiro con l’arco e lancio dei coltelli a cura dell’ A.M.A.L.A.C. di Montalbano Elicona e l’allestimento della Taberna, per la degustazione di vino e cibi speziati, promossa da Cena Medievale Sicilia.

Ancora, giovedì 18 alle ore 17,00 il professore Giuseppe Tropea, parlerà al castello di “Cammini Francigeni”, mentre il tradizionale Palio dei Quartieri, si disputerà venerdì pomeriggio in Piazza Maria Santissima della Provvidenza.

Gli atleti dei nove rioni montalbanesi, dopo la vittoria domenica scorsa, di Maria Casella, per la categoria “Dame Arco Storico Foggia con finestra” del torneo nazionale LAM (Lega Arcieri Medievali), si sfideranno nel tiro alla fune, nella corsa con i sacchi e in numerose altre prove di abilità. La premiazione con consegna del palio e investitura del vincitore, sarà celebrata sabato 20 all’arrivo del Re in paese.

Francesca Bisbano

In allegato: il programma delle “Feste Aragonesi 2016”

Programma delle Feste aragonesi 2016 a Montalbano Elicona

Programma delle Feste aragonesi 2016 a Montalbano Elicona


Chiesa di Montalbano Elicona

Estate Montalbanese: comunicate le date dei primi eventi di Giugno



Dalla seconda edizione del Festival della Creatività studentesca alla Notte Romantica dei Borghi più Belli d’Italia, a Montalbano Elicona continua la programmazione degli eventi 2016.

Apre il calendario, venerdì 3 giugno, CREARTS progetto finanziato dal MIUR con dd 1294/2015, per promuovere nelle scuole superiori e secondarie, il valore dell’arte in tutte le sue forme. Coinvoilti dieci istituti del messinese, compreso l’istituto comprensivo di San Piero Patti cui fa capo Montalbano, per un momento di incontro-confronto che avrà come palcoscenico il borgo, il castello Federico II e l’Auditorium Comunale “Domenico Popolo”.

Sabato 4 giugno, il maggiore Marcello Garzia della sezione di Cava de’ Tirreni, presenta la “Fanfara dei Bersaglieri” con entrata a passo di corsa e sfilate in paese a tempo di marcia. Giornate dedicate allo sport saranno il 5 e 12 giugno, con la IX “Motocavalcata Montalbano” e la “Prima Marathon dei Megaliti. Trattasi di due gare, che propongono una un percorso ad anello di 80 km a difficoltà variabile (hard per gli amanti delle sfide estreme e soft per gli enduristi meno esperti); l’altra un tratto di 70km con dislivello di 2270 mt nei dintorni montalbanesi. La Marathon organizzata da A.S.D. Ciclo Record in coincidenza con l’ottavo Granfondo dei Megaliti, è stata inoltre segnalata tra le manifestazioni di particolare interesse regionale per il 2016, insieme al Presepe Vivente e le Feste Aragonesi di metà agosto.

Non mancheranno poi, i momenti culturali con “Il Castello In Metafisica”, pittori contemporanei in mostra dal 20 giugno al 31 agosto, presso la sala convegni Arnaldo da Villanova e quelli dedicati alla bellezza, domenica 12 giugno, con la diciannovesima edizione dell’Infiorata di Braidi.

Dulcis in fundo la “Notte Romantica dei Borghi più Belli d’Italia”, per festeggiare l’arrivo del Solstizio d’Estate. Il 25 giugno 2016, l’evento patrocinato dal Club Borghi Più Belli D’Italia in collaborazione con l’A.N.C.I., offrirà ai visitatori non solo la possibilità di gustare menù studiati dai piccoli ristorantini per l’occasione, ma anche di assistere a mostre, spettacoli, concerti, danze e giochi pirotecnici, nelle piazze più suggestive dei comuni aderenti all’iniziativa. Alla mezzanotte il minuto mozzafiato e il lancio di lanterne colorate, sarà accompagnato dal contest fotografico su Instagram #BorgoRomantico2016, con in palio un weekend in uno dei Borghi italiani.

Francesca Bisbano


Montalbano Elicona ospite a Tgs Studio Stadio, per la partita Palermo-Verona


Sul palco di tifosi e opinionisti dal cuore rosanero, spazio anche alle bellezze storico-artistiche e paesaggistiche del “Borgo dei Borghi 2015”


(redazione da comunicato stampa)

Domenica 15 maggio 2016 in diretta dallo sporting village di Palermo, il comune di Montalbano Elicona sarà ospite di TGS Studio Stadio, canale 15 del digitale terrestre.

A partire dalle 14,30 con gli occhi di tifosi e opinionisti puntati sul Palermo-Verona, si parlerà anche del Borgo dei Borghi 2015. Dal castello Federico II, unico esempio di palazzo reale in Sicilia, alla riserva orientata del Bosco di Malabotta, area di eccezionale valore naturalistico, all’altopiano dell’Argimusco, particolare attenzione sarà riservata al patrimonio artistico-culturale e paesaggistico locale.

Senza dimenticare poi, i prodotti tipici come la provola sfoglia, superbo formaggio siciliano e i salumi di suino nero dei Nebrodi, verranno trattate le manifestazioni culturali del Presepe Vivente, le Feste Aragonesi e la MTB Prima Maratona dei Megaliti, recentemente inserite nel Calendario Regionale delle Manifestazioni di Grande Richiamo Turistico per il 2016.

“Ora come ora” sottolinea il sindaco, dottor Filippo Taranto, “è fondamentale parlare di Montalbano, che a dispetto di ogni previsione e indipendentemente dall’elezione di Sambuca di Sicilia come “Borgo più Bello d’Italia 2016″, non ha vacillato e mantenuto alta la sua reputazione. La strada finora intrapresa dimostra che, il numero delle presenze al castello è aumentato, l’Argimusco è diventato famoso in molte parti d’Europa e dalla Sicilia e la Calabria si moltiplicano gli spostamenti verso il nostro paese”.

Che dietro tal fenomeno si celi il vantaggio d’appartenere al Club dei Borghi più Belli D’Italia o a circuiti importanti come i Comuni Fioriti Italiani ; che il successo sia dovuto al lavoro di un’amministrazione aperta all’innovazione o agli eventi organizzati dalle associazioni o alle campagne promosse dai cittadini sui social-network, Montalbano guarda avanti. Tant’è vero che accanto alla proposta di un albergo diffuso nel centro storico, da parte del consorzio di cooperative sociali l’Arnia, in rete sono già apparsi i primi abbozzi di start-up alberghiere, come Domus Montalbano.

“Tutto perché”, ha ribadito il primo cittadino, “al di là di questa esperienza amministrativa, in un modo o nell’altro si abbia la certezza di riuscire a riorganizzarsi in base alle opportunità del momento e senza alienare la propria identità. Quello che in pratica è il concetto di resilienza, strategia per altro, sulla quale riteniamo di continuare a investire per il futuro”.

Francesca Bisbano


Castello di Montalbano di notte

“I Siculi Fotografici nel Borgo Fiorito più Bello d’Italia”



Primo raduno di fotografi e foto amatori per promuovere le bellezze storico-artistiche e paesaggistiche di Montalbano Elicona, eletto Borgo dei Borghi 2015



Sarà aperta a tutti e in forma assolutamente gratuita la giornata dedicata alla fotografia amatoriale, domenica 8 maggio a Montalbano Elicona, Borgo più bello d’Italia 2015.

L’evento promosso dal gruppo dei “Siculi Fotografici”, che unisce persone con lo stesso amore per la fotografia tramite la condivisione in rete delle loro esperienze, offrirà due percorsi fotografici diversi.
Il primo è pensato per gli appassionati del ritratto. Entro le mura del borgo fiorito e nelle sale dell’imponente Castello Svevo Aragonese Federico II, sei modelli: Daisy La Macca, Laura Anglade, Luciano Chiavaro, Cristian Santini, Danilo Cannone e Stella Giunta, con gli abiti medievali di Katia Foti dell’Associazone MedioExpo e le acconciature di Selene Sbrizza e di Sabina Cuvelo, regaleranno emozioni uniche a contatto con mille anni di storia.
Il secondo ,invece, è dedicato agli appassionati di architettura e paesaggistica che, cartina alla mano, potranno individuare e immortalare gli scorci più caratteristici del paese

Le numerose adesioni fin’ora pervenute, fanno presagire il successo dell’iniziativa, che ha trovato piena condivisione del Circuito Nazionale Comuni Fioriti. “La fotografia ferma il tempo, esalta la bellezza e in questo caso crea aggregazione” ha affermato il coord. regionale Michele Isgrò, con l’auspicio che in futuro il tutto si possa ripetere in altri Comuni del Circuito.

Viva è anche la soddisfazione del Sindaco Filippo Taranto nel dichiarare che “Montalbano con la sua storia, il paesaggio e le sue bellezza territoriali, riuscirà ad offrire lo spunto per veri scatti d’autore“. Il primo cittadino, si è già attivato per predisporre l’accoglienza con l’ufficio turistico. Un team di collaboratori supporterà i fotoamatori e gli organizzatori : Sara Conti, Gaetano Doria, Mario Romano, Vito Monopoli e Giuseppe Pintaudi, perché la promozione del borgo continui.

Francesca Bisbano


Turismo religioso e ottava giornata nazionale dei Cammini Francigeni


Domenica primo maggio 2016 a Montalbano Elicona, l’incontro prevede visite guidate nel borgo, attività di trekking ed escursioni lungo il percorso dei Mulini dell’Elicona


Tra storia, natura e nuove proposte per l’implemento del turismo sostenibile, torna la Giornata Nazionale dei Cammini Francigeni.

 

L’evento promosso dall’associazione no profit Rete dei Cammini Francigeni, domenica 1 maggio 2016 fa tappa anche a Montalbano Elicona, dove nel medioevo la pietà mariana assume molteplici forme di espressione, grazie alla devozione degli ordini religiosi e delle congregazioni di fedeli, operanti nel periodo.

 

Con le sue iniziative, a partire dalla Giornata dei Cammini Francigeni, la Rete dei Cammini intende promuovere la percezione delle vie di pellegrinaggio non solo come vie dello Spirito, ma anche come patrimonio della collettività. Questi vanno concepiti come luoghi, cui educare le nuove generazioni; spazi aperti a tutti nella convinzione che, il riscoprirli e ripercorrerli sia una delle forme più appropriate e intense di rapporto con il territorio e con le comunità che lo abitano.

 

Fra i numerosi percorsi “romei” che da varie parti d’Europa e d’Italia raggiungevano la capitale della cristianità, uno dei più anticamente documentati è l’itinerario detto via “francigena” o via “francesca”, proveniente dall’oltralpe. In realtà non si trattava di “una” strada, ma di un'”area-strada”, dove confluivano vari percorsi utilizzati nel tempo con funzione diversa. Si fa riferimento non solo a tracciati per i peregrini, ma anche alle vie di comunicazione-militare utilizzate dai Longobardi per unire Pavia e il regno della Tuscia, nonché ai passaggi obbligati dei Crociati in viaggio verso la terra santa. Sotto i franchi il percorso venne ampliato e consolidato in direzione della Francia e dello stato Pontificio, che in Carlo Magno aveva trovato un valido alleato. Probabilmente fu allora che, con il consolidarsi dei traffici in direzione nord-sud, si diede impulso ai cammini della fede, principalmente verso la città eterna.

 

Dalla lezione di vita del pellegrinaggio a piedi occorre, dunque, trarre esperienza per leggere i luoghi, la storia e i monumenti, poiché le vie stesse con le loro antiche infrastrutture e le loro vicende, continuano a dare un senso unitario alle zone che interessano.

 

Così in occasione dell’evento il comune di Montalbano Elicona, propone visite guidate nel borgo alla scoperta dei fasti e della fede degli avi montalbanesi, attività di trekking ed escursioni ai ruderi dei Mulini del Fiume Elicona.

 

 

Francesca Bisbano

 

Per info e prenotazioni rivolgersi all’Osservatorio Turistico 0941 678019

 

Programma primo maggio ottava giornata cammini francigeni- Montalbano Elicona


Anniversario Borgo dei Borghi 2015

Primo Anniversario “Borgo dei borghi 2015”: l’amministrazione comunale di Montalbano Elicona, presenta alla stampa gli eventi e le iniziative in cantiere per il 2016



Dopo aver postato l’invito ufficiale alla conferenza stampa sul primo anniversario “Borgo dei Borghi 2015”, alleghiamo un piccolo resoconto della giornata:

Un anno straordinario per Montalbano Elicona, quello decorso dall’elezione “Borgo dei Borghi 2015”. Così il sindaco Filippo Taranto ha aperto la conferenza stampa, tenutasi domenica 10 aprile 2016, presso la Sala Convegni del Castello svevo-aragonese Federico II.

Dati recenti evidenziano nell’ultimo semestre, la crescita esponenziale del turismo e dell’economia montalbanese. Se da un lato aumentano gli esercizi di ristorazione, dall’altro cittadini e associazioni promuovono lo sviluppo dell’artigianato locale. L’esempio riportato dal primo cittadino, è quello dell’Associazione MedoExpo, con una proposta di attivazione di mercatini medievali settimanali e la speranza di riuscire a realizzare in Sicilia, un museo di storia vivente come quello di Middelaldercentrer. Il consiglio comunale ha approvato anche, un regolamento per incentivare lo sviluppo di attività commerciali nel borgo, destinato tra l’altro a ospitare un albergo diffuso.

Nel complesso le aspettative rimangono alte. Sempre il sindaco, ha accennato a due gemellaggi con la Catalogna e la Croazia, nonché l’impegno nella valorizzazione dei prodotti locali e in particolare la provola dei Nebrodi. Attenzione va’ poi alla cultura, non più fine a se stessa, ma indirizzata allo sviluppo del patrimonio storico-artistico regionale, come sostenuto da Giuseppe Pantano nel suo intervento. Negli ultimi vent’anni l’attività convegnistica, sostenuta dalle amministrazioni, ha condotto non solo a numerosi riconoscimenti per il paese, ma anche alla rivalutazione della figura di Arnaldo da Villanova e allo scioglimento dell’enigma sull’origine della cappella reale : non più aragonese, ma normanna.

L’aspetto storico, sempre più fedele all’anima medievale dell’abitato, il 24 e 25 aprile condurrà la prima edizione delle Feste Medievali di Primavera, promosse Associazione Culturale Giovan Guerino e il 21 giugno verrà riproposto nel Mistico Fest. Ora la discussa campagna di crowdfunding sulla rassegna multidisciplinare, lanciata dall’avvocato Carmelo Mobilia e sostenuta dell’Accademia delle Belle Arti di Palermo, tira le somme. Grazie alla presentazione di Fabio Bagnasco, esperto marketing e comunicazione presso il comune di Montalbano Elicona e produttore Mistico Fest, sono stati analizzati i benefici di una strategia di mercato, basata sul turismo festivaliero.

Doverosa la menzione alla tutela dei beni ambientali, con la proposta dell’Onorevole Marcello Greco di creare un percorso naturalistico lungo il Fiume Elicona e la denuncia dei disservizi, causati dal degrado in cui versano i collegamenti stradali : Falcone-Montalbano; Montalbano-Catania.

In chiusura la parola è andata a Michele Isgrò, responsabile Comuni Fioriti per la Sicilia, con la presentazione dell’omonima guida e l’esposizione degli impatti positivi della cura del verde pubblico, sulla qualità della vita di residenti e stranieri. In collaborazione con il gruppo “I semplici di Altea” nelle persone di Maria Rita Cammarata e Ferdinando Scognamiglio e gli Orti Botanici di Catania e Messina, il comune di Montalbano Elicona, ha pensato d’investire in questo settore. A breve infatti, verranno completati i lavori del Giardino Esoterico al castello federiciano, con la creazione di uno spazio dedicato alle piante officinali autoctone, dove rilassarsi, meditare, pregare o annusare il profumo che avvicina all’essenza divina.

Francesca Bisbano

 

N.B. Guarda il dibattito su InnovationTv (diretta streaming disponibile per sette giorni nella sezione EVENTI)